Produits Chimiques du Mont Blanc

Riciclaggio: rivalorizzazione del liquido refrigerante

La rivalorizzazione materiale dell'acqua glicole: i Liquidi refrigeranti esausti (LRU) o i Fluidi termovettori esausti (FCU)

Descrizione del principio

Questo principio consiste nel fornire una procedura, appropriata ed efficiente in termini energetici, di rivalorizzazione materiale dell'acqua glicole esausta, chiamata: Fluido termovettore esausto (FCU) o Liquido refrigerante esausto (LRU).

Il prodotto

Il fluido termovettore o il liquido refrigerante sono composti di acqua, glicole e inibitori di corrosione. Questi ultimi si usurano durante la vita del prodotto, che diventa così acido. Questo liquido viene quindi chiamato Fluido termovettore esausto (FCU) o Liquido refrigerante esausto (LRU) e classificato come DID (rifiuto industriale pericoloso). Il codice dei rifiuti è: 16 01 14, secondo il documento: Decreto N° 2002-540 sulla "classificazione dei rifiuti", relativo alla GU del 18 aprile 2002, pubblicata dal Ministero della Pianificazione territoriale e dell'ambiente.

Le fonti

FCU e LRU sono presenti nei seguenti settori:

La situazione

Una parte dei FCU e LRU immessi sul mercato francese (65.000 tonnellate/anno: riscaldamento, automotive, industria,...) non si ritrova sotto forma di rifiuti, in quanto il prodotto utilizzato non voene sempre drenato, ma integrato da nuovo prodotto.

Una parte importante dei FCU e LRU drenati si trovano attualmente nelle acque reflue, nei fiumi o nel suolo attraverso lo scarico illegale.

Tuttavia, i volumi di FCU e LRU raccolti sono in forte aumento negli ultimi anni. Questi FCU e LRU sono spesso distrutti mediante incenerimento evaporazione, che consuma molta energia, tenendo conto che questo prodotto contiene il 70% di acqua inquinata.

Il processo

Messo a punto dalla società PCMB, questo nuovo processo consiste nel separare acqua, glicoli e rifiuti (inibitori esausti, residui di lega, prodotti di corrosione) mediante ultrafiltrazione. Così il 95% dei volumi ritirati sarà riutilizzato per fabbricare nuovi fluidi termovettori e liquidi refrigeranti.

 

 

La società PCMB e il riciclaggio dei fluidi termovettori

La società PCMB, con la sua esperienza, il suo know-how tecnologico e le sue attrezzature, è specialista riconosciuto in questo settore. Inoltre, ha lavorato su questo progetto dal 1992 e appare come un precursore della rivalutazione materiale dei FCU e LRU.

Il processo è a punto e molte prove sono state eseguite su prodotti di origine diversa. La capacità di trasformazione degli impianti sarà di 6.000 tonnellate/anno e il costo sarà concorrenziale, poiché la rivalorizzazione elimina la TGAP.

Il sito di Passy (autorizzazione prefettizia N° 99-1990) è idealmente situato all'incrocio degli assi PARIGI/MARSIGLIA e LIONE/MILANO minimizzando i costi di trasporto a monte della lavorazione e la vicinanza ai produttori di liquidi refrigeranti nuovi garantisce l'utilizzo dei prodotti ritrattati con un basso costo di trasporto a valle.

 

Copyright ® PCMB 2014- Conception par Easyclix